Chi siamo | Vai allo shop
Sei qui: bimbidolci » Emergenze bambino » Cosa fare in caso di... » Bruciatura e ustioni

Cosa fare in caso di...

Bruciatura e ustioni

Cosa fare in caso di...

Offerte
Visualizza altro

 


Ustioni

Ustioni nel bambino, che fare?

Dal lavarsi con acqua troppo calda a far ribaltare il caffè bollente su se stessi, le bruciature sono un potenziale rischio per i vostri bambini a casa. Le ustioni, specialmente quelle da acqua calda e liquidi, sono tra i più comuni incidenti infantili.

Tra le situazioni di emergenza, la bruciatura è piuttosto comune.

I neonati e i bambini piccoli sono particolarmente suscettibili poiché sono curiosi ed hanno una pelle molto sensibile che ha bisogno di protezione. Anche se alcune minori bruciature sono facili da trattare a casa, altre, invece, hanno bisogno di cure mediche.
Le cause principali solitamente sono: ustioni da vapore, acqua bollente, tazze di caffè ribaltate, cibo caldo, salse bollenti; contatto con fuoco o fiamme e oggetti bollenti; bruciature chimiche da rovesciamento di candeggina sulla pelle, o da ingoio di prodotti per la pulizia; bruciature da contatto con fonti elettriche; ustioni da sole.
Vi sono tre tipologie di bruciature chiamate di primo, secondo e terzo grado. Quelle di primo grado sono le meno pericolose e si limitano al livello più superficiale della pelle. I sintomi sono rossori, dolore e leggeri gonfiori. Quelle di secondo grado sono più serie e si espandono ad un livello sotto a quello superficiale. Questo tipo di ustioni producono vesciche, rossori e molto dolore. Le tempistiche di guarigione talvolta durano anche fino a 3 settimane.

Quando bisogna chiamare il medico?

Le scottature di terzo grado sono le più pericolose e colpiscono tutti i livelli della pelle. La superficie appare secca e pallida, ruvida, marrone o carbonizzata. Potrebbe non fare male poiché l’area diventa insensibile inizialmente a causa di un possibile danno al nervo.
Se pensate che la scottatura sia di secondo o terzo grado, oppure che, anche se minore, la bruciatura si espande oltre i 5-7 cm, chiamate sempre il medico. Lo stesso vale per qualsiasi ustione che occupa più del 10% del corpo oppure se la causa è fuoco, contatto con filo elettrico o prese elettriche o prodotti chimici. Non esitare a chiamare assistenza anche nel caso in cui l’ustione sia in faccia, in testa, sulle mani, sulle articolazioni o sui genitali, oppure se sembra infetta (gonfia, con pus, rossore che aumenta).
Nel caso in cui la scottatura sia minore, eseguire immediatamente le seguenti operazioni: togliere i vestiti al bambino dalla zona scottata; far scorrere sull’ustione acqua fresca (non fredda!), non usare mai ghiaccio poiché potrebbe causare peggioramenti; non usare burro, grasso, borotalco o qualsiasi altro rimedio che pensiate sia adatto al bruciore. Usate piuttosto una crema o un gel all’aloe più volte durante la giornata. Date al vostro bimbo acetaminofene o ibuprofene per il dolore. Mantenete l’area bruciata pulita con una garza sterilizzata per le prossime 24 ore.
Per le ustioni più gravi, chiamare immediatamente il medico ed eseguire le stesse istruzioni per quelle minori prima che il bambino venga assistito.


compra Bruciatura e ustioni online




Emergenze bambino